slide mangivis bustine

Estratto Secco al 20% in polifenoli  di Mangifera Indica L. (Mango) in bustine da 3,1 g.

Il Mangivis è un estratto che deriva da diverse varietà di mango (mangifera indica L).

Le proprietà del mango come antiossidante sono conosciute in tutta la fascia equatoriale dove la pianta cresce spontaneamente e fa parte integrante dell’alimentazione.

In natura esistono 273 specie di piante di mango ma solo 17 di queste hanno i requisiti per la preparazione del Mangivis, la cui composizione è stata pubblicata nel 2002 sulla rivista scientifica “Journal of Agricultural and Food Chemistry 50 (4): 762-766, 2002., Núñez-Sellés Vélez H, Agüero J, J González, Naddeo F, De Simone F, Rastrelli L.: Isolamento e analisi quantitativa dei composti fenolici, polioli, acidi grassi e zuccheri liberi nell’estratto di Mangifera indica L. (Mango).

Il Mangivis contiene un’alta percentuale di polifenoli, che può arrivare anche al 45% a seconda delle stagioni, della maturazione dei frutti e della raccolta: circa il 25 % di questi polifenoli è rappresentato dal glucosilxantone chiamato comunemente mangiferina.

I polifenoli hanno attività antiossidante. Il Mangivis ha come obiettivo fondamentale quello di migliorare il funzionamento dei meccanismi antiossidanti del corpo umano, prevenire, riparare e proteggere contro i danni dei radicali liberi sia le persone sane dai fattori di rischio ambientali, alimentari o l’età, sia quelle già colpite da malattie croniche. Gli studi clinici hanno dimostrato che la mangiferina contribuisce, con la sua azione, a migliorare la qualità della vita nei pazienti affetti da patologie varie e già in corso di terapie tradizionali con le quali non interferisce.

Il Mangivis contiene inoltre microelementi quali: ferro, rame, zinco e selenio, che svolgono un ruolo importante nel coadiuvare l’attività di immunomodulatore.

Scopri quanto costa

Precedentemente nel 2000 un altro gruppo di ricercatori: G. Martìnez; R.Delgado; G.Péerz; G. Garrido; A.Nùnez-Sellés; O.S. Leòn; hanno pubblicato su Phitotherapy Research (14:424-427-2000) gli studi da loro condotti sull’attività antiossidante del Vimang (oggi Mangivis).

Il 6 agosto 2004 è stato pubblicato un importantissimo studio sulla mangiferina: "β–d–Glucoside Suppresses Tumor Necrosis Factor–induced Activation of Nuclear Transcription Factor κB but Potentiates Apoptosis". Lo studio è stato condotto da Abira Sarkar , Yashin Sreenivasan, Govindarajan T. Ramesh and Sunil K. Manna e pubblicato sul The Journal of Biological Chemistry, 279, 33.768-33.781.

Due sono stati i centri di ricerca coinvolti: Centre for DNA Fingerprinting & Diagnostics, Laboratory of Immunology, Nacharam, Hyderabad 500 076, India and the Department of Biology, Texas Southern University, Houston Texas 77004.

Dallo studio è emerso come la mangiferina interagendo con il sistema NF-kB aumenti la citotossicità dei farmaci chemioterapici quali il Cisplatino, i Taxani, la Vincristina, la Doxorubicina, l’Epotoside e faciliti inoltre l’apoptosi cellulare.

La mangiferina oltre all’attività antiinfiammatoria svolge anche  attività antitumorale ed antiangiogenica. Nell’ottobre 2009 presso la "Faculty of Pharmacy, Guangxi Traditional Chinese Medical University" di Pechino si è svolto il primo simposio internazionale sulla mangiferina "Study on Mango Leaf and Mangiferin" e sono state presentate 282 relazione scientifiche; circa un terzo degli studi sono stati condotti con il Vimang (oggi Mangivis).

La mangiferina non ha effetti collaterali.E' stata studiata la sua tossicità acuta, subacuta e cronica e dagli esperimenti condotti non è stata rilevata alcuna tossicità, non ha effetto mutageno né attività teratogena e nessuna attivazione clastogenica. Il prodotto è stato registrato in 21 paesi come integratore alimentare, attualmente è disponibile anche in Italia con il nome Mangivis. Per la sua attività antiinfiammatoria ed analgesica è un importante supporto in numerosi processi patologici, in particolare nelle malattie croniche degenerative quali i tumori,le patologie cerebrali ed il diabete, in quest’ultimo caso soprattutto per prevenire le complicanze quali retinopatia diabetica, l’arteriopatia e la neuropatia diabetica.

Gli interessi sulla mangiferina stanno aumentando in modo significativo e gli studi proseguono per capire ulteriormente i campi di applicazione.

Composizione:
Mangifera Indica L. (Mango)  Estratto Secco al 20% in Polifenoli, edulcoranti. 

Modalità d'uso:
Si consiglia l’assunzione di una o due bustine al di. Non contiene glucosio. Può essere assunto anche dalle persone diabetiche. In patologie conclamate o in processi di infiammazione acuti è possibile aumentare i dosaggi, previa indicazione medica.

Scopri come acquistarlo

Avvertenze:

  • Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.
  • Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di un sano stile di vita.
  • Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo da fonti di calore.

Confezione:

  • Sedici bustine da 3,1 g.

 

Visualizza la brochure (pdf)

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.